Tag Archives: ghirigoro
Immagine

A scuola di metalli battuti. Parola di Bianca Carestia

10 Giu

Per la rubrica “Parola di Artigiano”  questo venerdi ho avuto il piacere di intervistare Bianca Carestia ideatrice della sua linea di gioielli made in Italy  The Sweet Leaf Creations  dove lavora in maniera eccelsa i metalli semplicemente battendoli e piegandoli, dando vita cosi a creazioni originali e particolari.

Buona lettura!

G – Chi è Bianca Carestia?

B – E’ sempre difficile definire se stessi ma posso provare a raccontare qualcosa di me…
Da sempre fin da piccola ho amato disegnare, il mondo dell’arte e la creatività in generale.
Il mio percorso di studi mi ha permesso di assecondare queste mie inclinazioni:
ho conseguito il diploma artistico e già da quel momento ho iniziato ad interessarmi all’arte orafa ma poi come spesso capita (diciamo anche per questioni logistiche) ho deciso di studiare grafica pubblicitaria, cosa che mi ha dato modo di avere diverse esperienze lavorative nell’ambito della moda come graphic designer.
Rimasta senza lavoro, come tanti a causa della famigerata crisi ho colto l’opportunità ed ho deciso di tornare a coltivare le mie passioni, frequentando un corso di arte orafa che mi ha permesso di apprendere nozioni e tecniche per realizzare quello che faccio attualmente.

DSCN3484

Bianca Carestia nel suo laboratorio a Pescara.

G – Perché ha scelto di lavorare i metalli?

B – Il metallo é un materiale che mi ha sempre affascinato, mi permette di realizzare oggetti ricercati e duraturi nel tempo.

G – Ci può descrivere l’arte dell’orafo?

B – Lavorare metalli nobili e pietre preziose é un arte dalle origini antiche che richiede dedizione e passione.
Le tecniche di maggior pregio sono quasi esclusivamente manuali e si avvalgono di attrezzi ed utensili altamente specializzati derivati da quelli comunemente usati nella tecnologia meccanica, é una cosa abbastanza complessa.
Per quanto riguarda le creazioni che realizzo attualmente non penso sia corretto parlare di arte orafa in quanto io utilizzo solo alcune delle tecniche messe in opera dall’orafo, mi definirei semplicemente un’artigiana che lavora il metallo.

G – Quale tecnica viene usata in particolare che rende la linea The Sweet Leaf Creations  riconoscibile a tutti? Che tipi di materiali vengono utilizzati e che caratteristiche hanno?

B -Per realizzare le mie creazioni traggo principalmente ispirazione dalle forme della natura.
La spirale ad esempio che in natura é presente ovunque, si ritrova quasi sempre negli oggetti che realizzo ed é spesso la forma dalla quale parto.
Ogni gioiello è pensato, creato e realizzato a mano con molto amore e  dedizione, ognuno é diverso dall’altro e questo li rende speciali.
Per quanto riguarda i materiali, utilizzo pietre naturali, talvolta ceramica e vetro, filo e metalli quali: l’ottone, il rame, l’acciaio inox, l’alluminio ed occasionalmente l’argento.
Le mie creazioni sono tutte realizzate con intrecci di filo metallico e prive di saldature.

DSCN3504

I materiali

 

DSCN3510

DSCN3499

Fase di lavorazione dei metalli

G – Come si progetta un lavoro e, da dove si inizia?

B – Solitamente disegno una bozza, un piccolo progetto, poi scelgo i materiali per la realizzazione e mi metto all’opera.

G – Quanto tempo c’è dietro ad una creazione mediamente?

B – Mediamente non saprei dirlo…dipende dalla complessità dell’oggetto, dalla difficoltà di realizzazione ed a volte anche dalla mia vena artistica 😉 per ogni cosa é diverso, per alcuni oggetti impiego qualche ora per altri non mi basta un giorno.

G – Qual è la lavorazione più richiesta?

B – Gli articoli che generalmente vendo di più sono gli orecchini.
Per quanto riguarda la lavorazione ho constatato che il metallo battuto piace molto.

G – In questo momento un po’ particolare che difficoltà incontra un’artigiana come lei?

B– Bisogna dire che la situazione economica generale non aiuta, rendere più concreta un attività come la mia investendo e magari aprendo una vera e propria bottega artigiana (un luogo fisico per intenderci) dove realizzare e vendere i propri lavori affrontando i costi che ne conseguono risulta abbastanza complicato.

DSCN3495DSCN3490DSCN3488

G – Crede che l’Italia sia ancora il posto ideale per questo tipo di lavoro?

B- Non credo che l’Italia sotto questo aspetto sia molto diversa dal resto d’Europa, penso che la cosa importante sia inserirsi nei contesti giusti.

G – Come reagiscono le persone?

B – Le persone che comprendono il valore di un oggetto unico e realizzato a mano reagiscono positivamente, anche quando non acquistano fanno commenti e si incuriosiscono su come vengono realizzate le mie creazioni.
Atre purtroppo abituate alla grande distribuzione stentano ad apprezzare oggetti di questo tipo.
G – Ha in qualche modo portato la sua attività on line? E che tipo di risposta ha avuto?

B– Da qualche tempo ho aperto una pagina Facebook http://www.facebook.com/thesweetleafcreations per far conoscere le mie creazioni e per interagire con altri artigiani come me.
Ho ricevuto molti apprezzamenti positivi ed anche qualche richiesta di lavori su commissione.
In questi giorni sto aprendo uno shop su Dawanda thesweetleaf.dawanda.com dove presto saranno in vendita le mie creazioni…staremo a vedere, io sono positiva! 🙂

13131229_970201586399294_7659429042276966392_o

Lavoro GHIRIGORO su commissione

13131428_970201683065951_3539632807471636598_o

Ciondolo GHIRIGORO su commissione

Se volete seguire Bianca Carestia potete farlo sulla pagina FB

https://www.facebook.com/thesweetleafcreations/?fref=ts

 

Se volete collaborare con il blog e raccontare la vostra attività potete contattarmi sulla pagina fb:

https://www.facebook.com/pages/Ghirigoro-BLOG-Il-Made-In-Italy-è-di-Moda/779422408810547?fref=ts

Oppure alle mail:

ghirigoro17@gmail.com – giovanna.bronico@libero.it

Se volete seguire Ghirigoro e acquistare contattatemi qui:

https://www.facebook.com/madeinitaly017

Giovanna Bronico – Autrice Blog

http://www.giovannabronico.com/

 

Annunci
Immagine

Un gioiello come interpretazione surreale della realtà. Vi racconto la storia di Loredana e dei suoi gioielli.

20 Mag

L’affermazione che ogni gioiello sia una scultura in miniatura calza a pennello quando sto per raccontare la storia di Loredana. Mamma a tempo pieno, imprenditrice e fondatrice della sua linea di gioielli LOREART Made in Italy veramente originale.
Parlando con Loredana capisco che i suo gioielli devono essere qualcosa di veramente particolare, di stiloso e unico, quasi surreale e credo di non essermi sbagliata. Un lavoro che nasce dal dal connubio tra abilità manuale, formazione artistica e passione per i gioielli e il risultato di questa fusione ha portato alla nascita di piccole sculture da indossare.
Diplomata al liceo artistico, con una laurea all’Accademia di belle arti di Brera, e un corso di oreficeria alla Scuola Ambrosiana di Milano, con un bagaglio di competenze eccezionali, Loredana decide di buttarsi nel modo della progettazione e di avviare la sua attività. Così nasce la sua line personalissima di gioielli-sculture.

Partita da zero come tanti dopo la gravidanza ha deciso di mettersi in gioco e di dare uno stile a tutto ciò che la circondava ogni giorno. Visionaria e futuristica nella realtà trova l’ispirazione primaria per le sue linee, che prendono il nome dalle cose e dal tempo circostante, nascono così le collezioni FOGLIO MATERIA SPAZIO e VISIONI letteralmente libere interpretazioni del reale e innovative nel design.
Ogni singolo pezzo viene realizzato con la tecnica della cera persa per creare l’elemento che caratterizzerà i gioielli. Il processo creativo prosegue saldando i diversi elementi trasformati in metallo. I singoli pezzi sono ottenuti attraverso la trasformazione  e la ricombinazione originale di elementi ricorrenti, con l’aiuto del filo e delle lastre saldate.

Schermata 2016-05-20 alle 16.08.26

Anello – Loredana Corallo Design

incontro

Anello – Loredana Corallo Design

img_0367_0

Anello – Loredana Corallo Design

Vengono utilizzati prevalentemente metalli come argento, bronzo e ottone. Anche se Loredana predilige i metalli poveri per  la possibilità di dare loro un’anima trasformandoli con un lavoro di artigianato accurato e sofisticato. Il risultato migliore lo ottiene creando una combo perfetta insieme, plasmando magari l’ argento e poi lavoraci successivamente elementi decorativi colorati e caldi come il rame, il bronzo e l’ottone.

dscn7513_1

Girocollo in Argento e Oro

10631214_1095552683805111_3690356289155711171_o

Girocollo

 

Schermata 2016-05-20 alle 16.08.13

Giorocollo

Nel suo laboratorio si occupa ovviamente di tutto. Dal design, ricerca delle forme e delle linee, alla progettazione e infine della reperibilità dei materiali che sono di ottima qualità e italianissimi. Nelle sue lavorazione Loredana imprime alle sue collezioni uno stile unico e inconfondibile, un carattere deciso e passionale, autentico quasi volesse incidere la sua anima fino a darle una forma e una vita. Sono Gioielli venuti dal futuro per essere indossati ora, dalle linee decise e morbide allo stesso tempo. Sono opere che possono richiede un tempo che va dalle 2 ore alle 15 di lavorazione mantenendo dei costi contenuti. Ogni creazione si adatta magnificamente alla persona che le indossa diventando parte della persona stessa. Di ogni gioiello ne esiste un pezzo unico, chiaramente riproducibile, e avrà la bellezza di essere lavorato a mano.

Schermata 2016-05-20 alle 16.07.51

img_0481_1

Monorecchino

IMG_0290IMG_0386

10980168_1073382546022125_3463148716221967732_o

Orecchini

Le collezioni sono moderne ed hanno un fascino autentico, sono semplici e eleganti allo stesso tempo e sono la sintesi perfetta di Loredana. Esegue lavori anche su commissione per chi volesse un gioiello personalizzato. Brava Loredana e in bocca al lupo!

Potete seguire e contattare Loredana Corallo sul sito:

http://www.loreart.it

Oppure sulla pagina Fb:

E-Commerce:

http://www.reputeka.com/it/artigiano/loreart

 

Se volete collaborare con il blog e raccontare la vostra attività potete contattarmi sulla pagina fb:

https://www.facebook.com/pages/Ghirigoro-BLOG-Il-Made-In-Italy-è-di-Moda/779422408810547?fref=ts

Oppure alle mail:

ghirigoro17@gmail.com – giovanna.bronico@libero.it

Se volete seguire Ghirigoro e acquistare contattatemi qui:

https://www.facebook.com/madeinitaly017

Giovanna Bronico – Autrice Blog

http://www.giovannabronico.com/

 

Immagine

Stay Woolish…Stay LEFRAC. Vi racconto la storia di Lidia e dei suoi accessori.

19 Apr

Ogni volta che una bella storia intreccia la mia strada provo sempre una grande emozione, molto di più se sono storie di donne imprenditrici e sopratutto di Mamme che hanno saputo reinventarsi dopo la maternità.
Perché chi lo dice che una mamma alle prese con pappe pannolini e lavatrici non può più lavorare? Una bella testimonianza è quella di Lidia Giuliani, che dalla maternità ne ha fatto un punto di forza e non di demerito, decidendo di intraprendere la vita di imprenditrice, mettendo su delle collezioni di borse e accessori in feltro e chiamando il progetto LEFRAC,  l’insieme delle iniziali dei suoi gioielli Leonardo, Francesca e Claudia. Abruzzese di origine, dopo essersi laureata a Bologna in Lingue e Letterature straniere comincia a lavorare nel settore dei servizi, da li a poco tempo trova l’amore, si sposa e mette su famiglia. Diventa mamma nel giro di poco tempo di tre splendidi bambini, che le riempiono la vita di esperienze e gioie meravigliose ma allo stesso tempo le fanno prendere la decisione di ritirarsi dal mondo lavorativo perché diventare madre richiede tante energie, tempo, forza e pazienza.

Schermata 2016-04-19 alle 14.55.36

Lidia Giuliani – LEFRAC

DSCF5842 13.24.27

I feltri

Così nei pomeriggi passati a inventare giochi, storie, forme, e colorare album, Lidia comincia a pensare che forse potrebbe essere il momento giusto di cominciare una nuova avventura e rimettersi in gioco. Quei pomeriggi passati a giocare e a conoscere materiali nuovi come il feltro, le danno la giusta ispirazione per il suo nuovo progetto che da li poco prende vita. Con i suoi bambini ha imparato ad usare il feltro in mille modi e complice un bagaglio culturale fatto da un papà tuttofare e una mamma creativa a tutto tondo. Il primo prototipo viene creato nel giro di poco tempo e in quel preciso istante nasce LEFRAC. Lidia passo dopo passo con delle semplici forbici da taglio e la macchina da cucire della nonna, crea i primi modelli, all’inizio per parenti e amici e successivamente per il pubblico mettendoli in vendita. Da subito ha capito le potenzialità della sua idea e delle sue borse in feltro, con il quale è stato amore a prima vista. Riesce così a farsi conoscere e identificare, e a far capire l’anima nobile di questo materiale,  composto da lana, con il quale è possibile creare accessori dall’alto valore estetico. LEFRAC ha una forte identità, uno stile riconoscibile, un prodotto Made in Italy molto bello e soprattutto di alta qualità.

DSCF6005

Lidia durante la preparazione dei cartamodelli

Ovviamente la sfida è stata quella di far apprezzare il feltro da sempre ritenuto un materiale povero, renderlo elegante, semplice e ovviamente alla moda. Lidia ha allestito un laboratorio sotto casa sua, e da li si occupa praticamente di tutto. Inanzitutto della ricerca dei materiali dei feltri alti, bassi, dei colori. La progettazione viene fatta esclusivamente da lei, dopo un attenta ricerca delle forme e del design da seguire, cercando ispirazione da tutto ciò che la circonda, e ovviamente la produzione è tutta nelle sue mani, disegna progetta taglia cuce e si occupa della vendita e ne cura al minimo ogni singolo dettaglio.

006

Borsa shopper

004

Borsa 02

001

Particolari

Le produzioni Lefrac sono minimaliste, essenziali, rispecchiano in pieno la semplicità dei materiali. Sono collezioni genuine, lineari, moderne nei tagli e uniche nel loro genere. Sono accessori da indossare tutti giorni, hanno un anima è un carattere molto definito. Sono avvolgenti. Sono collezioni per chi non si arrende per chi ha il coraggio di mettersi nuovamente in gioco e di inseguire i propri sogni, a chi è capace di trasformarsi e prendere nuove forme. Come il feltro, duttile ma forte, capace di adattarsi ad una seconda vita con la morbidezza intrinseca della lana. Tutto questo è Lefrac tutto questo è Lidia con la sua famiglia. Brava Lidia in bocca al lupo!

003

Borsa 03

Potete seguire Lidia su fb:

https://www.facebook.com/LefracDesignInFeltro/?fref=ts

Se volete acquistare lo potete fare direttamente sul suo e-commerce:

https://www.etsy.com/shop/Lefrac?ref=hdr_shop_menu

Se volete collaborare con il blog e raccontare la vostra attività potete contattarmi sulla pagina fb:

https://www.facebook.com/pages/Ghirigoro-BLOG-Il-Made-In-Italy-è-di-Moda/779422408810547?fref=ts

Oppure alle mail:

ghirigoro17@gmail.com – giovanna.bronico@libero.it

Se volete seguire Ghirigoro e acquistare contattatemi qui:

https://www.facebook.com/madeinitaly017

Giovanna Bronico – Autrice Blog

http://www.giovannabronico.com/

 

Immagine

Quando eco-sostenibile diventa moda e fashion? Vi racconto la storia di Marta e delle sue borse in legno OOD.

17 Mar

Quando la moda può veramente definirsi eco-sostenibile? Essere riconosciuta veramente cruelty free, nel rispetto di animali ambiente e lavoro? Ultimamente la tendenza a mettere Bio davanti ad ogni tipo di prodotto, sta diventando frequente, ma poi in verità quanto bio c’è in ogni prodotto e in ogni processo di lavorazione? Ho l’immenso piacere di raccontarvi la storia di Marta e della sua azienda che utilizza il legno per produrre borse e accessori alla moda. Marta Antonelli, romana e anima vegetariana, diplomata allo IED in Fashion shoes and Accesoires, ha messo su la sua azienda per dare vita a collezioni di borse e accessori del tutto naturali. L’idea di lavorare con materiali come la pelle e cose similari, andava contro ogni suo principio, mentre la voglia di dare vita ad un brand totalmente eco-sostenibile invadeva la sua mente. Così 4 anni fa insieme al padre ha creato e brevettato Ligneah, un materiale composto da un sottile strato di legno accoppiato al cotone, ponendo così le basi di questa bellissima realtà. Ci sono voluti circa sei mesi di progettazione per ottimizzare il lavoro e arrivare al prototipo definitivo che viene usato attualmente.

10001159_678511335544966_1775217600_o

Marta e il suo Papà insieme hanno fondato la loro azienda

E cosi dopo la laurea e grazie ad ad una fiera del settore nella moda eco-sostenibile a Milano ‘ So Critical so Fashion’,  Marta presenta la sua prima collezione che da subito riscontra un notevole successo di pubblico e di critica, e che  confermato immediatamente l’eccezionalità dell’idea dimostrandosi vincente.
Nel giro di breve tempo la sua azienda prende più sostanza e prende sempre di più il volto di Marta e ne rappresenta la sua etica, il suo rispetto incondizionato verso l’ambiente e verso gli animali, rappresenta la sua speranza che questo mondo possa migliorare e che  tutti i suoi sogni si possano avverare. I prodotti oltre ad essere totalmente cruelty free, hanno la certificazione Animal free dalla LAV, quindi privo di materiali di origine animale, è totalmente sostenibile e inoltre da poco hanno ottenuto la certificazione FSC ovvero Il marchio del Forest Stewardship Council (FSC) indica che il legno impiegato per fabbricare un prodotto certificato proviene da una foresta correttamente gestita secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. Proprio per avere zero impatto sul territorio hanno stretto un accordo con Tree Nation dove per ogni prodotto venduto, pianteranno un albero nella nostra foresta, in Dosso Niger. Considerando che per realizzare 400 borse utilizzano un albero e ne ripiantiamo 400 , immettono nell’ambiente il 400% in più di alberi. E a definire tutto è che ogni prodotto è completamente bio degradabile.

OOD_008

12030487_997178943678202_2494617355837408593_o

12189958_1013508315378598_1837564359302595730_n

10854244_836169863112445_991782514047427369_o

12248050_1024959290900167_4533910335203328716_o

Tutto viene fatto internamente, Marta ha un’equipe di cui si fida ampiamente che si occupa di fare ricerca, sperimentazione attraverso dei macchinari studiati appositamente per questo tipo di lavorazione. La produzione è in continua crescita e le competenze acquistate dalle singole risorse, sono per Marta la certezza che il lavoro svolto sia un ottimo lavoro, oltre ad essere la garanzia della qualità dei suoi prodotti. Tutti gli accessori prodotti sono frutto di lavorazioni autentiche, artigiane, eseguite con massima precisione e scrupolo, rispettando tutti gli standard e  le caratteristiche di un prodotto eseguito a mano con passione e rispetto per il lavoro stesso. Sono ovviamente collezione inimitabili e di grande impatto. Ovviamente a supervisionare tutto ha il suo papà che oltre ad essere un valido supporto e sopratutto la sua spalla destra ed è ovviamente l’uomo di fiducia. Marta lavora sia per la sua linea OOD,che per conto terzi, e sviluppa prototipi a seconda della richiesta dei clienti. In produzione ha la sua nuova collezione molto più accattivante e vincente. Il pezzo forte è la shopper  Atlantea, unica nel suo genere, naturalmente bella ed elegante come tutti i suoi accessori. Essenziale ma ricca di emozioni. Sono prodotti che ti fanno sentire libera di indossarli e in pace con la propria anima e con il mondo che ci circonda, e allo tesso tempo non ti fanno rinunciare all’essere di tendenza. Sono dei piccoli gioielli nati dall’ingegno, dal coraggio e dal rispetto per l’ambiente di Marta. Io me ne sono innamorata e ringrazio Marta per questo piccolo contributo e le faccio il mio in bocca al lupo personale!

11214714_1012618872134209_313655698996196664_n

Potete seguire Marta su fb:

https://www.facebook.com/Ligneah

Se volete acquisatre lo potete fare direttamente sul suo e-commerce:

http://www.ood-italy.it/

Se volete collaborare con il blog e raccontare la vostra attività potete contattarmi sulla pagina fb:

https://www.facebook.com/pages/Ghirigoro-BLOG-Il-Made-In-Italy-è-di-Moda/779422408810547?fref=ts

Oppure alle mail:

ghirigoro17@gmail.com – giovanna.bronico@libero.it

Se volete seguire Ghirigoro e acquistare contattatemi qui:

https://www.facebook.com/madeinitaly017

Giovanna Bronico – Autrice Blog

http://www.giovannabronico.com/

 

 

Immagine

Quando la stampa diventa una questione di stile. Vi racconto la storia di Daniela e delle sue Danilla Bag.

4 Mar

Che le borse attualmente possano essere considerate i nuovi gioielli di una donna, credo di poterlo affermare con estrema sicurezza, ma sono anche 
il filo conduttore che lega Daniela Monasterio, una laurea in architettura, alle tavole di linoleum. Sono esattamente questi fattori che le hanno permesso  di dare vita alla sua linea originalissima di borse e pochette, stampate artigianalmente e prodotte in un piccolo laboratorio in Abruzzo. L’ idea è arrivata per la necessità di distinguersi dalla massa e di dare un’ impronta estremamente personale ad un prodotto che l’avrebbe dovuta rappresentare fin dal primo sguardo. Così dopo aver eseguito la laurea in architettura e dopo una vasta ricerca sulle tecniche di stampa tradizionali, ha trovato in Romagna la stampa a ruggine, su stoffa con blocchi in legno intagliati a mano. Ovviamente quando possiedi un’ attitudine all’estro creativo non riesci a fermarti alla prima scoperta ma si è già affamati di nuovi tentativi e di nuove cose. Così Daniela continua il suo percorso formativo nel mondo della stampa e prova con la xilografia, atra tecnica di stampa, molto antica che consiste nell’incisione di immagini su tavole di legno o linoleum, in pratica una produzione in serie di determinati soggetti. E ovviamente provando le varie tecniche, miscelandole tra di loro, sbagliando e ricominciando da capo Daniela ha trovato il suo stile. Originalissimo.

12694865_10153937348792302_1748812593105947996_o

Daniela Monasterio – Pescara

studio disegni danillabag

Progettazione incisione

La voglia era quella di riuscire a realizzare delle borse con tessuti prodotti e stampati da lei, quindi tessuti e colori ecologici, che ritraessero una delle cose di cui è più appassionata. La natura. Così comincia a studiare una serie di motivi vegetali che richiamassero fiori, petali, foglie, steli e tutto ciò che potesse appartenere a questo mondo. Nasce cosi ufficialmente la linea di borse Danilla Bag, dove lei cura ogni singolo dettaglio dalla ricerca dei tessuti italiani che spesso sono quelli da tappezzeria, alla scelta dei motivi da incidere e stampare. Originale nell’estetica nella sostanza e nell’anima. Le collezioni di Daniela sono collezioni che hanno uno stile inconfondibile, stilose, perfette nella loro semplicità, autentiche nei materiali. Sono lineari, che racchiudono alla perfezione tutto il suo mondo, le sue passioni la sua storia e la capacità di far diventare una stampa un marchio identificativo del proprio prodotto.

12377532_10153842976217302_2639326762566240607_o

Prima fase dell’ incisione

12471923_10153871985447302_7889300137544297585_o

Disegni motivi naturali

prove di stampa danillabag

Risultato finale

Le borse e le pochette sono armonicamente inserite nel quotidiano caotico di una donna, sono leggere, pratiche, ecosostenibili di impatto e comode tanto da poterci racchiudere dentro la propria vita e i propri segreti senza che nessuno se ne accorga e portarseli in giro ben custoditi. Ogni borsa e ogni singola produzione ha dietro di se diversi passaggi che le hanno permesso di essere portata addosso con disinvoltura, dietro ci sono ore di incisione di tavole di linoleum, fatto rigorosamente a mano, giorni di asciugatura dei colori e tempo per assemblare ogni singola azione, oltre allo studio e alla progettazione delle forme e dei modelli.

11220766_10153785886332302_3246877874937748402_o

Pannelli di tessuti stampati

11882835_10153575586952302_3414644823445635750_o

Fase di asciugatura

11351182_10153405224707302_7839005952220285694_n

La creazione di un pattern

Daniela con poco è riuscita a far combaciare forme, spazi, colori in un modo del tutto naturale e che fino a quel momento si ignoravano. Tutto questo è la grande forza di questo architetto/designer, anche se a lei non piace definirsi tale, di origine Abruzzese, mamma a tempo pieno che nonostante i grandi sacrifici investe ancora in questo territorio facendosi ispirare ogni giorno. Ovviamente non è sempre tutto facile ma con la determinazione si superano muri altissimi. Brava Daniela E In Bocca al lupo!

pochette felce danillabagpochette pizzo danilla bag12314170_10153795223927302_6289835214590271901_o12698425_10153952405052302_6944998778685101277_oziptotebag giardini grigia danillabag12193686_10153720349047302_7698795428905109173_n

Potete seguire Daniela sulle pagine fb:

www.facebook.com/danillabag

Su Instagram:

www.instagram.com/danillabag

oppure per acquistare direttamente su:

www.danillabag.it

 

Se volete collaborare con il blog e raccontare la vostra attività potete contattarmi sulla pagina fb:

https://www.facebook.com/pages/Ghirigoro-BLOG-Il-Made-In-Italy-è-di-Moda/779422408810547?fref=ts

Oppure alle mail:

ghirigoro17@gmail.com – giovanna.bronico@libero.it

Se volete seguire Ghirigoro e acquistare contattatemi qui:

https://www.facebook.com/madeinitaly017

Giovanna Bronico – Autrice Blog

http://www.giovannabronico.com/

Immagine

Quando è la fantasia a prendere forma. Vi racconto la storia di Jo(vanna) handmade design.

19 Feb

Saltellando qua e la su vari social, e cercando sempre delle belle realtà da raccontare e condividere sono piacevolmente inciampata nelle creazioni della camaleontica Giovanna Monfeli . Così non ho resistito e l’ho disturbata sapendo di fare cosa buona e giusta. Di origine Romana portatrice sana di creatività e originalità da vendere, abbiamo scambiato quattro chiacchiere e mi ha raccontato la sua bellissima storia. Cresciuta tra una nonna sarta e un papà tuttofare nel corso della sua giovane vita ha acquisito le basi per il saper fare e il saper creare oggetti di design per la casa e accessori per rendere perfetta la stanza dei bambini. Per rendere più solide le sue attitudini, (perché nelle cose non mi stancherò mai di ripeterlo non ci si improvvisa, ma si deve studiare tanto!) ha frequentato un corso di grafica e fotografia che l’hanno aiutata a incorniciare una predisposizione nel processo creativo. Perché, per Giovanna “l’ ispirazione è un sentimento, un eccitazione della mente e della fantasia”, un po’ come l’energia che non si crea ne si distrugge ma va solo canalizzata per darle la giusta forma e sostanza. Così nasce la linea di prodotti “Jo handmade design”, originale Made in Italy, con una ricerca costante e una sperimentazione sui materiali continua e unica nel suo genere.

10697131_542984159168930_109623219157952865_o

Giovanna Monfeli – Jo handmade design

12241778_733671920100152_3541213363984477222_n

Le mani al lavoro di Giovanna

10685330_545444565589556_5677149403407144714_n

Giovanna nel suo laboratorio e il suo tavolo da lavoro

Dalla nonna ha appreso il sapere cucire e mettere insieme i pezzi, dal papà ha capito che un chiodo può essere un grande supporto e che le due cose messe insieme per quanto diverse tra loro, possono funzionare alla perfezione dando vita ai suoi sogni.
Prepara tutorial di cucito per chi vuole esprimere la propria creatività, imparando a realizzare alcuni dei suoi progetti, e ci riesce in un modo a tutto tondo, mettendo a disposizione le proprie tecniche.

11220805_683035775163767_6005586490299357381_n

Mongolfiera ralizzata per la stanza dei bambini.

11695002_684667958333882_6230247559775743527_n

Particolare mongolfiera

12628374_763147300485947_1842618187518166658_o

Tutorial per la realizzazione della mongolfiera

11951419_758821097585234_731188933271573730_o

 

Ogni singolo pezzo delle sue produzioni è caratterizzato dalla perfezione, dalla scrupolosità dell’eccellente lavorazione. Ogni minimo dettaglio dalla scelta dei materiali alle forme realizzate, sono contraddistinte dalla pulizia di un lavoro eseguito con attenzione e con precisione. Io personalmente adoro le sue mongolfiere che oltre ad essere belle sono forse il prodotto che più la caratterizzano. Hanno personalità, forza, sono magiche, da far impazzire non solo i più piccoli, ma da attirare a se anche noi grandi. Giovanna è un po’ una nuvola, prende forma dalle situazione,  e da ciò con cui si alimenta, si dissolve e si ricompaitta, e tutto questo con leggerezza e con naturalità ma con forza e tenacia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tutte queste caratteristiche l’ hanno portata a mettere al primo posto il proprio lavoro e il suo progetto, alimentato dalla passione e dalla vogla di reinventarsi ogni volta. Anche se l’ Italia attualmente non rappresenta per lei un punto di partenza, per tutte le problematiche che ci sono attualmente, rimane sicuramente un’ ottima base creativa e come ogni artista che si rispetta da quest’ Italia le arrivano le migliori ispirazioni. “Jo handmade design” è una linea genuina, pulita, che piace subito ed è il risultato perfetto tra fantasia e metodo. Giovanna Continua così e In bocca al lupo.

Potete seguire Giovanna sulla sua pagina Fb:

https://www.facebook.com/JoHandmadeDesign/?fref=ts

oppure se siete interessati ad acquistare :

http://www.etsy.com/shop/JoHandmadeDesign

 

 

Se volete collaborare con il blog e raccontare la vostra attività potete contattarmi sulla pagina fb:

https://www.facebook.com/pages/Ghirigoro-BLOG-Il-Made-In-Italy-è-di-Moda/779422408810547?fref=ts

Oppure alle mail:

ghirigoro17@gmail.com – giovanna.bronico@libero.it

Se volete seguire Ghirigoro e acquistare contattatemi qui:

https://www.facebook.com/madeinitaly017

Giovanna Bronico – Autrice Blog

http://www.giovannabronico.com/

Maker Faire Rome…il mondo chiuso in un’ idea e in un microchip.

16 Ott

Si è tenuta a Roma qualche settimana fa la MAKER FAIRE ROME, ovvero uno dei più grandi eventi a livello mondiale per le nuove invenzioni e i nuovi progetti che hanno come denominatore comune la tecnologia e l’abilità artigiana. La fiera si è svolta all’ Auditorium Parco della Musica di Roma dal 3 al 5 Ottobre, dando modo agli artigiani digitali di tutto il mondo, di poter esporre e conoscere i nuovi progetti, le nuove invenzioni; e le procedure di realizzazione e di sviluppo su piattaforme informatiche nuove,  il tutto contornato da conferenze e work shop di ogni genere, sia per adulti che per bambini.
Con il blog ero presente per capire come può sposarsi l’abilità manuale con quella elettronica, per capire e vedere come si sono formati gli artigiani innovativi e le loro straordinarie invenzioni, e devo dire che sono stata letteralmente folgorata da questo evento.
Erano presenti piu di 200 espositori, e la cosa che che mi è subito piaciuta, è che fosse pensata per tutta la famiglia, cani compresi. Inoltre gli espositori erano giovani, alcuni giovanissimi e questo mi ha dato una bella dose di energia, tanta speranza e la consapevolezza che il mondo è veramente a portata di un semplice click.

10723089_10205069199990651_1956218141_n10726655_10205069262952225_643481896_n

A farla da padrone per la maggioranza sono state le stampanti in 3D di tutte le dimensioni, che ho visto funzionare con materiali diversi, dalla plastica fino all’argilla e la greta e addirittura con gli scarti alimentari. Non solo tecnologia ma sopratutto ecosostenibilità dei progetti, ho trovato interessante Il Bio-Reattore ad alghe e lieviti per la produzione del carburante e di nuove energie per il futuro, che si basa sui processi di fermentazione dei vari materiali! Inoltre la maggior parte dei progetti presenti, erano stati realizzati con meccanismi o componenti  fatte con stampanti 3D. Non solo oggetti o prototipi quindi, ma anche parti meccaniche per la realizzazione di un idea.

10726647_10205069202190706_951731189_n

10743325_10205069236391561_432776627_n

10728917_10205069237751595_896151861_n

10736198_10205069237511589_1109392926_n

10723350_10205070167134829_550042906_n10743252_10205069221351185_203692315_n

Il tutto si è esteso ovviamente anche a livello gastronomico. E ho trovato questa cosa favolosa!! Hanno trovato il modo di disegnare e scrivere sulla pasta fresca, rendendola più personalizzabile possibile. L’idea è quella della pistola che usano i tatuatori,ovviamente riprogettata e studiata per le esigenze acui si deve prestare, al posto dell’inchiostro, viene usato il nero di seppia, che permette di tracciare dei disegni, anche molto definìti, e che si fissano e si ripuliscono dell’eccesso di materiale in fase di cottura.  Anche qui si si sta sviluppando tutto un mondo pazzesco che ti lascia a bocca aperta. Fino ad ora sono solo prototipi, ma a breve potremmo avere diversi formati di pasta da poter personalizzare e stampare con le stampanti e tutto questo mentre mettiamo tranquillamente l’acqua sul fuoco. Conservando comunque un’ alta qualità del prodotto, cosa fondamentale.

10721065_10205069238671618_2120842583_n

10699292_10205069239831647_822198543_n

10711447_10205069240991676_111458604_n

10735820_10205069242831722_330470633_n

Girando tra i vari stand ho avuto modo di vedere centinaia di cose, alcune bizzarre, altre divertenti, e molte impressionanti. impressionanti come i progetti di robotica!!

10733659_10205069219671143_1616255519_n

10743438_10205069202910724_2049773904_n

Tra le tante invenzioni e tra i vari brevetti uno in particolare ha colpito la mia attenzione. Forse perché sono donna, ma anche perché, per quel che mi riguarda, è un progetto concreto e immediato, da usare nella vita quotidiana.  Il Seggiolone Salva Bimbi ” Ricordati Di me” di tre ragazzi dell’ Istituto Superiore Enrico fermi di Padova. In pratica hanno dotato un comune seggiolino per auto, con una serie di sensori che si muovono con piattaforma Arduino, tale che, nel momento in cui viene lasciato accidentalmente un bimbo in macchina, in automatico, abbassa i finestrini della vettura di qualche cm, accende le 4 frecce, manda un sms ai gentiri scrivendo “Mamma Papà sono in macchina” e inoltre da le coordinate con il gps per trovare più facilmente la vettura, a chi legge per primo il messaggio. Favoloso!!

20141005_151922 20141005_152029

E in fine non poteva mancare la sessione dedicata al fashion. Abiti progettati e costruiti con i neon, in grado di potersi muovere, sempre con il sistema Arduino, e alcuni fatti con materiali ecosostenibili. Borse stampate in 3D!! insomma credetemi ne ho viste per tutti i gusti!!!

10743461_10205069215431037_1754312939_n

10743390_10205069216871073_1490859228_n

10723633_10205069201150680_1288086793_n

Ma lo sapete cosa ho travato estremamente divertente? Bubbleao!!!!! in pratica inviando semplicemente un tweed dal un profilo twitter e scrivendo #bubbleao, dalla bocca di un gioco a forma di pesce cominciano ad uscire bolle di sapone a raffica!!! Divertentissimo!

10660719_10205069263832247_1525855146_n

BzK-B6yIYAAmwTb

Continuate a seguirmi sul Blog e per Info e collaborazioni potete contattarmi direttamente sulla pagina Fb di GHIRIGORO T-SHIRT & ACCESSORI:
https://www.facebook.com/madeinitaly017

Ghirigoro Giveaway

20 Ago
Ciao a tutti!! Il blog riprende piano piano la sua attività, rallentata a causa dei diversi impegni tra i quali e non meno importante la promozione di Ghirigoro come eccellenza italiana sviluppata sul web in diverse manifestazioni. A proposito di questo vi racconto la mia esperienza con il giveaway di Ghirigoro organizzato da me e da Anajet Italia (Ve ne parlo in questo post https://ghirigoromadeinitalyblog.wordpress.com/2014/01/11/anajet-sinonimo-di-qualita/ ) azienda leader per la stampa digitale su T-Shirt.  Non mi ero mai prestata a questo tipo di concorso e mi sono accorta invece di quante persone hanno mostrato interesse e lo hanno seguito con attenzione e mi sono accorta ancora di più dell’importanza dell’utilizzo dei social per tutto il progetto. L’ ogetto del contest è stata una t-Shirt basic bianca con sopra stampata un calligramma Ghirigoro.

wpid-wp-1408464442057.jpeg

Bozza Disegno Caligramma

wpid-wp-1408464492945.jpeg

Particolare stampa T-Shirt

10552545_635580456537380_4949394045409498364_n

T-shirt Calligramma stampa Anajet Italia

Il regolamento del contest si basava su poche regole semplici che con molta probabilità conoscete gia

wpid-wp-1408464631432.jpeg

mettere like alle relative pagine Anajet e Ghirigoro e di inserire un commento il tutto entro i termini stabiliti. Appena il contest è stato pubblicato on line, il mio telefono non ha smesso un attimo di suonare, i commenti e il calore delle persone sono stati a dir poco eccezionali, caricandomi di energia positiva. Alla fine è stato estratto il nome del vincitore secondo le modalità previste e la splendida Sara Rota si è aggiudicata laT-shirt caligrammata Ghirigoro. La sinergia che si è creata tra Ghirigoro Anajet e le centinaia di persone che hanno partecipato è stata fantastica. Tutto questo è stato possibile grazie al lavoro di aziende come Anajet con il supporto di una comunicazione a 360° e alla collaborazione delle centinaia di persone che hanno partecipato con simpatia. Ringrazio per questo Silvia Sirotich per l’impeccabile lavoro e punto di riferimento per Anajet Italia. Vedere tutti i bei commenti delle persone che hanno partecipato hanno dato respiro e speranza a questa piccola grande realtà made in italy. Voglio dedicare a tutti voi questo post, a chi ha voluto credere ancora a Ghirigoro, anche se con un pò di ritardo. Grazie ancora e ci vediamo a settembre con le nuove collaborazioni. #LaGiò

Per info: www.anajetitalia.it

oppure seguite la pagina FB

https://www.facebook.com/pages/Anajet-Italia/405177926244302?fref=t

Per info e collaborazioni con il Blog contattatemi sulla pagina fb di GHIRIGORO T-SHIRT & ACCESSORI:

https://www.facebook.com/madeinitaly017

IL CALLIGRAMMA gran bel segno.

14 Feb

Sono stata sempre estremamente affascinata dalle lettere e dagli alfabeti in generale, impazzisco quando con il pennino e con  pochi segni si formano delle lettere di un eleganza unica, mi piace il segno, i contrasti tra il bianco e il nero e il tutto si riassume per me nei calligrammi. Il calligramma nasce più o meno agli inizi del 900,  come esperimento e poi man mano riconosciuta come arte moderna vera è propria. Si può dire che il padre sia stato Apollinaire che ha divulgato un’estetica fortemente creativa come mostra nel libro ” I CALLIGRAMES” dove l’autore invita a riflettere non solo sulle parole ma sopratutto sulle composizioni creando così un unione perfette tra contenuti e disegno. In questo modo e in questo periodo le parole cominciano ad avere un volto.

Immagine

Immagine

Negli anni il calligramma, che a mio avviso è un elemento grafico, viene utilizzato sempre di più nelle varie pubblicità dei più svariati prodotti e servizi fino ai giorni nostri.

Immagine

Pubblicità Vichy-Celestins

Immagine

campagna pubblicitaria “ENI” Luca Barcellona.

Ghirigoro t shirt si basa quasi esclusivamente su questo elemento. Le t shirt sono caratterizzate dalle stampe di calligrammi prevalentemente di poesie, o pezzi di letteratura Italiana, sempre per rafforzare ancora di più la concezione del Made in Italy, cercando di dare una caratteristica  riconoscibile al prodotto. I miei calligrammi sono composizione fatti con inchiostro di china pennini e pennarelli, studiati, per cercare di rendere tutto omogeneo, scelgo i testi in base alle parole, alle lunghezze ai singoli vocaboli, quelli che meglio si sposano in determinati spazi. Cerco di dare all’immagine un senso di lettura così che sia anche facilmente comprensibile. Si vede una cosa per dirne un’altra e viceversa. I calligrammi mi piacciono proprio per questo. Sono elementi eccezionali e di grande modernità. Mi piace l’idea che alle parole bisogna dare sostanza e forma altrimenti rimangono parole al vento. Il progetto GHIRIGORO è tutto questo e ancor di più. Minimal al punto giusto.

Immagine

Logo “Ghirigoro”

Immagine

Ghirigoro T shirt donna

Immagine

Grafica Leone per t shirt uomo Ghirigoro.

Se volete seguire seguire Ghirigoro potete cliccare a questo link:

https://www.facebook.com/madeinitaly017

Se volete acquistare un capo Ghirigoro seguite il link:

http://www.etsy.com/shop/GhirigoroTShirts?ref=ss_profile

Vi invito a visitare il mio sito http://www.giovannabronico.it per vedere tutti i calligrammi.

GHIRIGORO una borsa da First Lady!

3 Dic

Finalmente dopo tanti ripensamenti mi sono decisa e ho messo giù delle bozze per la prima mini capsule di borse che rappresentassero a pieno lo stile di GHIRIGORO. Lineari, pulite, molto minimaliste e allo stesso tempo eleganti e fresche. Il lavoro è stato fatto alla perfezione attraverso maestri della pelletteria che mi hanno saputo guidare e consigliare in questo nuovo progetto. Per creare le borse mi sono appoggiata al laboratorio FIRST LADY di Piccianello, che da più’ di vent’anni lavora e confeziona artigianalmente le borse per grandi nomi italiani tra cui Furla e Dolce&Gabbana. La titolare è una meravigliosa Signora, Floriana, che insieme al marito e due valide collaboratrici fidate, rimane uno dei pochi laboratori artigianali che lavora esclusivamente borse, e lo fa con grandissima passione, con alta professionalità e con una bravura e una maestria nel plasmare materie prime come la pelle, che solo i grandi pellettieri sanno fare. Floriana è stata per me una valida collaboratrice e un ottima maestra del mestiere, se penso solo che le borse di Dolce&Gabbana che vengono messe in vetrina a 2000 euro e più sono state fatte da lei, non posso che essere onorata che abbia abbracciato a pieno Ghirigoro. Si perché le borse come ogni altra cosa vanno progettate, vanno disegnate e tenuto conto di ogni elemento, che va  montato, foderato, cucito e assemblato insieme a tutti gli altri che compongono la borsa stessa. Le Borse Ghirigoro sono come sempre delle piccole quantità a tiratura limitata, nate dalla mia idea e realizzate interamente dalle mani della Sig.a Floriana e dal suo gruppo. Ogni pezzo è stato tagliato e montato a mano, in base al cartamodello fatto e approvato da me. Di ogni borsa è stato fatto un prototipo in cartone in dimensioni reali, sdifettato e approvato. Per ogni modello ho scelto una tipologia di pelle da abbinare e eventuali varianti, per GHIRIGORO  ho scelto pelle di saffiano nera e pelle di struzzo rosa e blu elettrico. Una volta fatto questo primo step sono state tagliate le basi e tutte le componenti della borsa. Per i piccoli quantitativi come per Ghirigoro viene fatto tutto rigorosamente a mano per i grandi quantitativi viene fatto con un cliché.

Immagine

Mini capsule Ghirigoro

Tutte le parti tagliate e rifilate delle Borse, come i lati e i manici, vengono riverniciate con colori italiani e tutti naturali, in modo che chiunque possa indossarle senza che la pelle possa irritare, in modo da non risultare ruvido e fastidioso al tatto. Questo procedimento prende il nome di “fare le costine alla borsa”. Viene dato il colore con un apposito macchinario e poi vengono messe ad asciugare, e nel giro di un paio di ore più o meno sono pronte.

Immagine

Immagine

Fare “le costine alle borse”

ImmagineImmagine

Asciugatura “costine”

Immagine

Ulteriore levigatura della vernice per renderla più omogenea con la pelle.

Ogni pezzo viene prima assemblato a mano, ribattuto e infine cucito solo con filati Guterman che per questo tipo di attività sono i migliori. Così per ogni pezzo e per tutte le borse.

Immagine

Preparazione dei manici

Immagine

Immagine

preparazione pattina interna

Immagine

Floriana all’opera!

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Poi vengono montati gli accessori, nel mio caso li ho scelti colore oro.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Fissaggio e battitura perni accessori

Immagine

Accessori terminati.

Si procede con le fodere, che ho voluto  mettere di un bel rosso vivo così da contrastare il colore della borsa esterna.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Borsa montata e quasi ultimata.

Quando ogni pezzo è finito si procede con l’assemblare tutto e montare la borsa.

Immagine

Immagine

Così è nata la capsule di borse Made in Italy firmate GHRIGORO e scusatemi se pecco di vanità ma sono veramente bellissime e di ottima qualità, e io sono soddisfattissima di questo risultato eccezionale. Floriana è stata gentilissima e molto disponibile nell’ospitarmi presso il suo laboratorio, mi ha reso partecipe e parte integrante delle borse. Mi ha introdotto in un mondo affascinante, ho approfondito una maestria di cui ignoravo molti aspetti prima. Sono sempre più convinta che gli artigiani siano i veri artisti di questo mondo. Comprendo adesso più di prima il costo che le borse hanno, in questo caso si paga giustamente tutto il lavoro e la storia che c’è dietro ad ogni pezzo, perché non finirò mai di dirlo che la qualità va pagata e riconosciuta come caratteristica fondamentale del nostro Made in Italy.

Per Info e acquisti: ghirigoro17@gmail.com

Visitate anche la vetrina Ghirigoro dove potete vedere tutti i prodotti e molti stanno per arrivare http://www.ghirigoro.portfoliobox.me

Inoltre Le borse sono in vendita presso il negozio “First Lady” di Floriana, in via Garibaldi, 126 a Silvi Marina (TE).

Continuate a seguire la pagina fb:  https://www.facebook.com/madeinitaly017